Ombretti metallizzati, a chi stanno bene: come usarli

Ombretti metallizzati: a chi stanno bene? A che scopo? Come si usano? La risposta a queste e ad altre domande le troverete in questo articolo!

Ombretti metallizati

Fonte: Pixabay

 

Gli ombretti metallizzati vengono in soccorso per chiunque voglia movimentare un po’ il proprio trucco. Tuttavia, l’utilizzo di questo prodotto, non sarebbe proprio per tutti. Anzi, questa tipologia di trucco viene utilizzata soprattutto dalla pelle matura o scura, per armonizzare il viso e per rendere gli occhi più brillanti. Andiamo a scoprire in che modo.

Ombretti metallizzati: come stenderli.

Innanzitutto, per poter ottenere un’ottima stesura dagli ombretti metallizzati è necessario utilizzare il primer occhi. Ne abbiamo parlato QUI. Il primer occhi è utilizzato per poter avere una base omogenea su cui lavorare. Inoltre, l’uso degli ombretti metallizzati permette un colore più acceso e vivo.

Quindi, dopo aver steso il primer, prendete un po’ di prodotto con un pennellino piatto (QUI abbiamo parlato dei pennelli per make up) e procedete PICCHIETTANDOLO SULLA ZONA. Non sfumatelo. Per ottenere l’effetto voluto è necessario picchiettarlo sulla palpebra mobile. Su quella fissa, invece, è sempre meglio sfumarlo.

Ombretti metallizzati: come utilizzarli?

Oltre che utilizzabili sulla palpebra mobile, gli ombretti metallizzati possono essere utili anche per ricreare importanti punti luce. Ne abbiamo parlato QUI: il punto luce può essere utilizzato per rendere più luminoso lo sguardo.

In questo caso, possiamo utilizzare questa tipologia d’ombretti per lo scopo. Cominciate picchiettando il prodotto dalla palpebra mobile fino all’angolo interno dell’occhio. Per chi vuole può anche “incorniciare” l’occhio effettuando, con un pennellino, anche una sottile sfumatura sulla rima inferiore dell’occhio. Provateci! Il risultato sottolineerà il pigmento dell’occhio e renderà lo sguardo davvero luminoso.

Ombretti metallizzati: attenzione ai colori!

Un’altra cosa da non sottovalutare nell’utilizzo di ombretti metallizzati sono i colori. Per ogni tono di pelle, infatti, si dovrebbero utilizzare colori che siano in grado di valorizzarla, non spegnerla. Ad esempio: sulla pelle scura vanno bene i toni rosati, argentati o dorati. Il resto dei colori (non che non si possano utilizzare) ma potrebbero non rendere abbastanza giustizia allo sguardo.

Per la pelle chiara, invece, i toni aranciati, rossi o celesti sono sempre utilizzati. Soprattutto in caso di occhi chiari. Tuttavia, QUI abbiamo parlato dei colori da utilizzare in base ai nostri occhi. Meno adatti i colori secondari come il verde, il giallo e il viola che potrebbero contrastare soprattutto su un viso giovane.

Infine, per la pelle matura, l’utilizzo di colori nude o pastello è efficace. Con l’effetto metallizzato si va a ricreare un effetto particolarmente illuminante, capace di rendere lo sguardo più giovane. Quindi è meglio bandire colorazioni forti come il blu, il verde o il rosso cupo. Prediligete colori più facili da sfumare. 

Ricordate anche d’utilizzare rossetti matte per non creare un trucco troppo contrastante!

Naturalmente queste sono solo linee guida. Come abbiamo detto, ogni colorazione può essere utilizzata su qualsiasi tipologia di pelle. Tuttavia, prima di procedere, effettuate sempre una prova ombretto sul polso per testare la compatibilità con la vostra carnagione.

Articoli correlati:
Ombretti glitterati, quando utilizzarli;
Ombretti opachi: ecco come stenderli;
Smokey eyes: ecco come riprodurlo;
Mascara colorati: cosa sono? Quando utilizzarli?

E voi? Utilizzate gli ombretti metallizzati?

Potrebbero interessarti anche...