Orticaria da freddo: ecco come curare e lenire le mani

L’Orticaria da freddo è spesso una reazione cutanea che si forma sulle mani: per rossori, screpolature e pomfi, bastano alcuni rimedi naturali 

Orticaria da freddo
Fonte: Pixabay

Chiamata orticaria da freddo, questa particolare reazione allergica è un reazione che avviene spesso sugli arti in seguito alle basse temperature. Solitamente può esibirsi sotto forma di piccoli rigonfiamenti, rossori e pofmi. Inoltre, non solo portano la pelle ad essere molto più screpolata, ma provoca anche un prurito tale da scatenare alle volte anche dei sanguinamenti. Andiamo a scoprire alcuni rimedi.

Premessa sull’orticaria da freddo

Naturalmente, prima di procedere, testate i prodotti che andremo ad utilizzare su pelle “sana” prima d’utilizzarla sulla pelle arrossata per evitare d’incorrere in allergie.

Se il prodotto testato vi reca prurito, non utilizzatelo. In ogni caso, se notate peggioramenti sull’arrossamento, contattate il medico.

Curare l’orticaria da freddo con gel d’aloe

Abbiamo detto anche QUI: l’aloe vera è uno dei rimedi naturali più idratanti, lenitivi e nutritivi della natura. Cura qualunque problematica cutanea e non e, anche in questo caso, può giungere in nostro aiuto.

Inumidite la parte arrossata con un panno umido caldo. Quindi prendete un po’ di gel d’aloe vera e ripassatelo sulla zona. Massaggiate fino ad idratare in maniera omogenea tutta la zona. Lasciate agire per 3-4 minuti, poi ripassate il panno umido. Ripetete il procedimento ogni qualvolta la pelle si secca e, nel caso dobbiate uscire, indossate sempre guanti che tengano le mani davvero al caldo.

Orticaria da freddo: curiamola con la farina d’avena

Un altro metodo per mandar via l’orticaria da freddo è attraverso la farina d’avena e bicarbonato. Cominciate diluendo 2,5 cucchiaini di farina d’avena e 2,5 cucchiaini di bicarbonato in 50 ml d’acqua. Quindi, con un batuffolo di cotone, cominciate a massaggiare il composto ottenuto sulla pelle come fosse una crema.

Fatto questo ripassate e inumidite la zona con un panno caldo e umido. Ripetete il procedimento una volta al giorno per non seccare troppo la pelle.

Orticaria da freddo: acqua di malva e calendula

Come sappiamo sia la calendula che la malva sono entrambe piante lenitive utilizzate anche per irritazioni. In questo caso basta mettere in 1 L di acqua, 5 gr di petali di rose, 5 gr di petali di Malva e 5 gr di petali di Calendula.

Lasciateli macerare 5-6 giorni al buio prima di utilizzarli, quindi stesso procedimento: con un batuffolo di cotone cercate di far penetrare l’acqua sugli arrossamenti. Non solo il prurito verrà lenito, ma i rossori tenderanno a riassorbirsi. Potete utilizzare questo procedimento anche 2-3 volte al giorno. In alternativa potete anche mettere le vostre mani a bagno in quest’acqua.

Articoli correlati:

Scriveteci se conoscete altri metodi naturali per curare e lenire l’orticaria da freddo!
Vi aspettiamo sulla nostra pagina Facebook!

0Shares