Balayage biondo: cos’è? Quali colori scegliere?

Il Balayage per capelli biondi è una delle acconciature che sta impazzando nell’ultimo periodo. Dal biondo chiaro al biondo intenso, ogni chioma potrà avere i suoi punti luce

Balayage biondo
Fonte: Pixabay


Il balayage biondo è una delle mode del momento. Quest’ultimo va a categorizzarsi assieme alle tecniche schiarenti di capelli come i colpi di sole, lo shatush, tiger eye o layage. Tuttavia, a differenza di questi ultimi, dona colori più intensi e naturali, a seconda del look che vogliamo creare. Andiamo a scoprire tutti i dettagli.

Balayage per capelli: in cosa consiste?

Partiamo col dire che il balayage biondo si effettua con una schiaritura non troppo intensa (tra 1-2 toni). La tecnica di schiaritura per creare un gioco di luci e volumi. In questo modo si vanno ad illuminare le lunghezze ma senza una tecnica ben precisa, creando sfumature per un risultato più naturale. Ecco la grande differenza tra lo shatush e il balayage.
Mentre lo shatush riguarda tutte le punte e schiarisce in maniera evidente, il balayage vuole creare solo luce sui capelli (e in alcuni casi anche sul viso, come ad esempio l’hair contouring) concentrandosi sulle lunghezze. Una manna dal cielo per chi vuole schiarire e cambiare look senza sconvolgere totalmente i propri capelli.

Per chi è adatto il balayage biondo?

Premettiamo che il balayage è una tecnica adatta ad ogni colorazione. Può anzi essere modificata in colorazioni più intense, anche per more o per rosse. Tuttavia, nel caso di balayage biondo, è più dedicato a una base che va dal castano chiaro al biondo.
Ci possono essere biondi freddi per rischiarare un castano cupo. Ci possono essere balayage color miele su castano chiaro, ma anche biondo intenso per un biondo cenere. Le bionde naturali possono scegliere tra il balayage biondo chiaro o il biondo freddo. Mentre i toni ramati possono essere esaltati con balayage biondo rame. Il bronde è il risultato su castano scuro con balayage biondo. Tutto, come avrete inteso, può diversificarsi in base al vostro colore di partenza. Ma è una decisione da consultare quindi con il vostro parrucchiere di fiducia.

Balayage biondo: e ora?

Dopo aver realizzato il vostro balayage presso un parrucchiere professionista, dovrete prendervi cura dei vostri capelli. Difatti, il balayage, sebbene naturale e neanche troppo aggressiva, può portare i capelli ad essere sfibrati e maltrattati. Proprio per questo avrete bisogno di impacchi idratanti e nutrienti.
Tra questi vi consigliamo alcuni impacchi per capelli con maschera per capelli, zucchero e miele. Da tenere 20 minuti e risciacquare. In alternativa potete optare per una maschera nutriente fatta di impacchi d’oli. Ricino, argan e oliva per iniziare. Da applicare su capelli umidi e risciacquare con balsamo. Ricordate di scegliere prodotti di base naturale. Stabilite routine alternate per qualche mese e noterete bei riflessi biondi, sui vostri capelli schiariti.

Acconciature per balayage biondo

Per questa tipologia di schiaritura, potete scegliere delle acconciature che vadano a valorizzare le lunghezze. Tra queste, le trecce. Le trecce sono sicuramente molto versatili e ad oggi utilizzate per ogni occasione e in più con tante modalità. Trecce ampie e lunghe sono sicuramente un modo per apprezzare la chioma. In alternativa cercate di ricreare raccolti morbidi.
Tuttavia, una delle acconciature migliori è il mosso naturale. Ricreate il mosso con spume o gel d’aloe e lasciate i capelli liberi: il risultato vi stupirà!

0Shares