Kachur Sugandhi: erba per capelli e viso

Il Kachur Sugandhi è una delle erbette capaci di curare la propria cosmesi in maniera totalmente naturale, grazie alle proprie caratteristiche antiossidanti

Kachur Sugandhi
Fonte: Pixabay

Il Kachur Sugandhi è una delle erbe ayurvediche che vengono utilizzate per la cura della cosmesi. Meglio noto come zenzero aromatico, la pianta ha origini nell’India del sud, dove viene utilizzato sia per i capelli che per il viso o la pelle secca. Difatti, molte donne indiane, l’utilizzano assieme ad altre erbe come lawsonia e indigo, per le sue proprietà antiossidanti, antibatteriche e cicatrizzanti, capaci di curare infiammazioni o lenire irritazioni.

Premessa sul Kachur Sugandhi

Naturalmente prima di utilizzare le polveri ad uso cosmetico, essendo proveniente dalla natura, è necessario effettuare un piccolo test allergico su polso o dietro l’orecchio per escludere eventuali reazioni allergiche. In caso di irritazioni prima o post uso, consultare il medico.

Kachur Sugandhi utilizzato per i capelli

La polvere di zenzero è particolarmente apprezzata per la cura dei capelli. In effetti, molto spesso viene aggiunta per preparare maschere o henné, in modo da nutrire o lucidare i capelli. Non solo risulta anche molto indicata per i capelli fragili o spenti, nonché fini e senza volume. In alcuni casi il risultato è stato soddisfacente anche contro il trattamento della forfora e per stimolare la crescita.

Per l’utilizzo in solitaria, basta mescolarlo ad un po’ d’acqua tiepida quasi calda, evitare grumi e metterlo in testa per mezz’ora di posa. Dopodiché basta risciacquare accuratamente con shampoo bio e risciacquo acido.

Kachur Sugandhi: viso

Per quanto riguarda la cura del viso, il kachur può essere utilizzato per la preparazione di maschere e scrub, nonché per I trattamenti anti age. Inoltre, la polvere, viene utilizzata anche per la cura di pelle grassa o acneica, come purificante e antiossidante.

L’utilizzo può essere anche esclusivo, vale a dire mescolato solo con acqua e steso sul viso per qualche minuto. Soprattutto in casi di pelle sensibile e molto fragile, non va lasciato ossidare, ma risciacquato e ripulito con panno umido e detergente.

Kachur Sugandhi: impiego per pelle secca

Infine, tra gli utilizzi del kachur, è possibile anche utilizzarlo per la pelle del corpo secca o rovinata. L’utilizzo è indicato soprattutto per pelle secca di pelle e gambe. Basterà mescolarlo anche con polvere di arancia, per rifocillare e reidratare la pelle.

Occorrerà in questo caso, effettuare piccoli movimenti per scrubbare la pelle. Il risciacquo, da effettuare con acqua tiepida, lascerà pelle fresca e idratata. Ma va ripetuto almeno 2 volte alla settimana per mantenere una regolare idratazione della pelle.

QUI abbiamo parlato del Fieno greco!
Vi aspettiamo sulla nostra pagina Facebook!

4Shares