Strobing capelli come si fa: quello che devi sapere

Lo strobing come si fa? è una degli ultimi ritrovati della decolorazione soft ed è possibile realizzarlo anche a casa

Strobing capelli come si fa
Fonte: Pixabay

Lo strobing per capelli come si fa? È la domanda che tute si pongono prima di entrare dal parrucchiere. In realtà questo particolare Hair colouring è richiestissimo poiché dona effetti normalissimi e naturali. Ed è categorizzato come contouring perché va a contornare il viso e creare luminosità sul volto.

Strobing capelli come si fa: cos’è?

Lo strobing per capelli è una tecnica che viene impiegata dai più professionali parrucchieri. La tecnica è stata creata dal parrucchiere Nalan Derby, hair stylist di Andrew Jose. Il motivo riguarda la sua grande utilità. Infatti, lo strobing va a rischiarare la chioma in maniera più naturale. Va a creare effetti luminosi non su tutta la chioma, bensì solo su alcune zone. è uno studio molto attento, che richiede professionalità. Ecco perché è importante farsi guidare da un professionista del settore. Ma con un ottimo lavoro si va anche a nascondere difetti del viso.

Strobing capelli come si fa e cosa si usa

Lo studio del viso è la prima parte essenziale. Sebbene infatti è possibile realizzare lo strobing su ogni tipologia di chioma, tutto può dipendere dal viso rotondo, squadrato o oblungo. Su viso triangolare si scuriscono le radici, per schiarire le ciocche laterali e vicino al mento. Per chi ha un viso lungo, basta illuminare le ciocche laterali. Il viso tondo? Illuminare i capelli alla radice per poi scurire sui lati. Per il viso squadrato bisogna accentuare le radici più chiare, scurendo le ciocche. Il colore è tendenzialmente qualche tono più chiaro del proprio colore naturale, cercando di creare luci e ombre sulla chioma. A questo punto il parrucchier tenderà a schiarire di qualche tono, attraverso qualche pennellata, le zone da occultare, scurire quelle da valorizzare. La posa dipenderà naturalmente dall’effetto netto o soft che vorrete ottenere. Ma è sempre meglio lasciar fare a mani professioniste.

Differenze tra strobing e altre tecniche di decolorazione

Tra le molteplici tecniche di decolorazione, lo strobing è ad oggi quello più utilizzato. Questo perché, come abbiamo detto, dà risultati molto più naturali. Lo shatush decolora molto nettamente, in una sfumatura che può partire anche da metà lunghezza. Solitamente è tendente al castano sui capelli scuri, al biondo platino sui capelli chiari. Il balayage è già più leggero ma tende a prendere la maggior parte delle lunghezze. In aggiunta dà un effetto simile ai colpi di sole sfruttando colori caldi come il giallo o il rosso. Lo strobing è completamente diverso: poiché va ad intaccare solo alcune parti della chioma, con colori freddi e caldi allo stesso tempo e solo in alcune zone del viso. In questo modo non si va a creare una chioma fittizia ma solo una chioma baciata dal sole.

Strobing capelli: i vantaggi

Perché scegliere di fare lo strobing? Innanzitutto perché è una tecnica di decolorazione leggera, che va a creare “una nuova chioma”, ma senza distaccarsi troppo dal colore iniziale. Quindi non va a stravolgere troppo l’acconciatura iniziale. Inoltre, una decolorazione così leggera non va a danneggiare i capelli, non vengono resi simil paglia e vengono illuminati. C’è da aggiungere, però, che il prezzo del trattamento può andare da un minimo di 70 euro ad un massimo di 120 euro. Naturalmente può dipendere da salone a salone, da posa e colore. Tuttavia, a meno che non si voglia rieditare l’effetto dopo qualche mese, lo strobing non ha bisogno di ritocchi e manutenzione. Ergo è durevole in un solo trattamento.

0Shares