Disintossicare i capelli: ecco come fare

Per disintossicare i capelli ci vuole molta, molta pazienza. Ma che cosa vuol dire esattamente disintossicarli? Quali sono le procedure adatte?

disintossicare i capelli
Fonte: Pixabay

Quando si parla di disintossicare i capelli, s’intende di procedere con tecniche per ripristinare la chioma. Infatti, c’è un grande divario con i prodotti detti chimici o altresì commerciali. I prodotti infatti hanno una loro caratteristica che a seconda del loro inci, possono rendere i capelli più stopposi e secchi. Spesso è proprio un cattivo prodotto che può rendere i capelli crespi, ingestibili, continuamente secchi. Proprio per questo, la svolta, potrebbe essere una cura più seriosa dei capelli con prodotti naturali, non dannosi ma anche più dedicati alla chioma. Andiamo a scoprire come fare.

Disintossicare i capelli: premesse

Cominciamo col dire che disintossicare i capelli richiede mesi e molta pazienza. Mesi in cui i capelli probabilmente reagiranno anche male diventando grassi oppure privi di lucentezza. È una reazione normalissima in realtà che avviene anche quando si cambia marca di shampoo dopo un lungo periodo di tempo che però ne porterà solo benefici. In aggiunta, ogni qualvolta utilizzate un nuovo prodotto dovrete sempre testarlo e verificare che effettivamente non crei problemi. Soprattutto quando parleremo di erbe ayurvediche.

Disintossicare i capelli: come cominciare

Innanzitutto cercate di capire che tipologia sia la vostra chioma e di cosa ha bisogno. Capelli grassi, crespi, secchi. Cercate di definirli. Quindi tornate al mobiletto del bagno dove avete shampoo, balsamo e tutto quello che utilizzate e buttate tutto quello che contiene nella lista con ingredienti peg, siliconi e solfati. Tendono a occludere il capello piuttosto che gestirlo e migliorarlo. Qualche anno fa era più difficoltoso, ma ad oggi è possibile reperire anche nei supermercati e in molte profumerie prodotti bio, certificati Vegan, Natrue e quant’altro idonei ai vostri capelli. Sono i prodotti da dove dovrete cominciare scegliendo uno shampoo, balsamo e maschera.

Disintossicare i capelli: impacchi nutrienti e idratanti

Tuttavia, scegliere prodotti dedicati non basta. Perché sebbene siano fatti di cheratina, anche i capelli, come tessuti, hanno bisogno di idratazione e nutrizione. Che possono essere forniti sia da prodotti “da cucina” come uova, oli e miele, sia da erbe ayurvediche. Di quest’ultime ne esistono molteplici specie, adatti ad ogni tipologia di capelli e evenienza. Risolvono i problemi di capelli grassi, crespo indomabile e in molte stimolano la crescita: per fare qualche nome shikakai, cassia, altea, kapoor e anche la lawsonia, l’henné rosso. In ogni caso, mensilmente si ha bisogno di 2-3 impacchi nutrienti, da fare pre shampoo, sia di impacchi idratanti da fare post shampoo e prima dell’ultimo risciacquo con balsamo o maschera. Potete mescolare miele e oli per idratazione e nutrizione pre shampoo, ma le erbe vanno utilizzate sempre post per ottenere un risultato migliore.

Disintossicare i capelli: risciacquo acido

Grande importanza nella cura dei capelli sta anche nel modo in cui si lavano e nel risciacquo. Sicuramente, per iniziare, va utilizzata acqua tiepida, non bollente e i capelli vanno risciacquati perfettamente ad ogni shampoo senza lasciare residui. In più potreste farvi aiutare dal risciacquo acido. Il risciacquo acido prevede l’utilizzo di prodotti con ph acido per eliminare acqua calcarea o residui di shampoo che potrebbero andare a dar problemi nel momento dello styling. Il classico risciacquo acido prevede l’utilizzo di 2 parti di acqua e una di aceto. Tuttavia, potete utilizzare anche il succo di un limone o del tè nero, anche molto acido. Risciacquate versando l’infuso tiepido sulla chioma e quindi passate allo styling.

Disintossicare i capelli: lo styling

A questo punto esistono molteplici modi per acconciare i capelli. Se proprio non riuscite a fare a meno di un prodotto, vi consigliamo il coco silicone, sostanza che imita l’effetto dei siliconi, ma è ricavato dall’olio di cocco da utilizzare per il crespo, oppure il gel d’aloe per fare i capelli mossi o ricci. Entrambi sono senza siliconi e lasciano la chioma lucida e per niente artefatta. In più, evitate l’utilizzo del phon per le doppie punte.

QUI abbiamo parlato della ruota svedese, e QUI dei bigodini flessibili
Vi aspettiamo sulla nostra pagina Facebook!

1Shares