Capelli tinti e rovinati: come recuperarli in poche settimane

I capelli tinti e rovinati possono essere molto discordanti nel look giornaliero. I capelli simil paglia, però, possono essere curati attraverso alcune pratiche giornaliere

Capelli tinti e rovinati
Fonte: Pixabay

Tipico dei capelli tinti e rovinati, è tutto nella consistenza della chioma. Solitamente, dopo tanti trattamenti chimici e tinture è normale che i capelli appaiano davvero spenti, rovinati, con tantissime doppie punte e “stopposi”. Per questo motivo, per recuperarli, bastano alcune settimane di cure intensive, costanza e soprattutto buona volontà tutta bio. Andiamo a scoprire qualche dettaglio.

Capelli tinti e rovinati: come cominciare

Innanzitutto, per prima cosa, dovrete eliminare ogni futura tinta chimica, permanente o trattamenti che abbiano prodotti chimici. Inoltre, evitate assolutamente piastre, ferri e phon per almeno un mese.

Se avete capelli esageratamente rovinati, è necessario un taglio per iniziare. Effettuatene uno drastico se è necessario. Quindi cominciate a preferire prodotti bio, maschere per capelli fai-da-te e trattamenti. Una volta scelti shampoo e balsamo, leave-in, maschere e trattamenti naturali, siamo pronti per cominciare.

Capelli tinti e rovinati: le maschere rinforzanti

Cominciate effettuando impacchi pre shampoo a base di olio di cocco da mescolare anche con burro di karité. Questo non solo ridonerà lucentezza ai capelli ma anche idratazione. Nel caso potete effettuare anche impacchi assieme al Gam (ne abbiamo parlato QUI) personalizzando le vostre maschere e effettuando le dovute prove.

Tenete a mente che: gli oli donano nutrizione, il gam è idratante assieme allo zucchero, mentre l’uovo e l’aceto donano volume e lucentezza. Fatto questo componete le vostre maschere a seconda dell’utilizzo. Ricordate che esistono anche gruppi di erbe ayurvediche che riescono a nutrire, idratare e gestire la chioma senza intaccare troppo il capello.

Capelli tinti e rovinati: lo styling no heat

Sebbene sembri quasi un passo impossibile è importante dedicarsi allo styling no heat. Certo una botta di phon è sempre meglio che uno styling tutto naturale, ma per compensare il crespo o il mosso esistono anche leave in ottimi per lo scopo o il gel d’aloe.

Soprattutto quest’ultimo permetterà uno styling molto naturale ma versatile. Provare per credere!

Capelli tinti e rovinati: le tinte

Quando noterete capelli visibilmente più lucidi, sani, freschi e morbidi allora potrete ritornare a colorarli e agghindarli, ma sempre utilizzando tinte naturali. Ad esempio Lawsonia e Indigo sono utilizzatissimi per capelli rossi (o con sfumature) o nere.

In commercio esistono molteplici tinte senza ammoniaca che fanno un lavoro molto più naturale.

Articoli correlati:

Scriveteci e diteci se avete altri metodi per curare capelli tinti e rovinati!
Vi aspettiamo sulla nostra pagina Facebook!

0Shares

3 commenti su “Capelli tinti e rovinati: come recuperarli in poche settimane”

I commenti sono chiusi.