Balayage Capelli: tutto quello che bisogna sapere (prima di farlo)

Il balayage è una delle procedure più impiegate per la schiaritura dei capelli. Tuttavia, è possibile ottenere riflessi molto più naturali

Balayage capelli
Fonte: Pixabay

Con effetti chiari come lo shatush, ma naturali come i colpi di sole veri e propri. È così che il balayage capelli è da anni una delle tecniche più sulla cresta dell’onda nei migliori saloni. Il balayage, infatti, permette una schiaritura luminosa ma non finta sulla capigliatura, realizzabile in linea con il nostro tono di capelli.

Balayage: che cos’è esattamente?

Con il balayage, definito anche sunshine effect in Europa, si riesce a ricreare lo stesso effetto del sole sui capelli, schiarendoli di un massimo di 1 o 2 toni rispetto al loro colore naturale. Sebbene sia in voga e nominatissima negli ultimi 10 anni, la tecnica nasce in Francia negli anni Settanta. è stata realizzata come alternativa alla cotonatura necessaria durante i trattamenti di decolorazione. Per ovviare a tale procedura, si poteva dunque scegliere una schiaritura più leggera. Il balayage così si estese a macchia d’olio, finendo per essere esportato anche in America, tornando alla ribalta anche in Italia.

Balayage capelli: come si realizza

Rispetto allo shatush, la tecnica del balayage non è effettuata su tutte le lunghezze, bensì solo su alcune ciocche. RICORDIAMO CHE, SE SIETE INESPERTE, PREDILIGETE UNA MANO PROFESSIONALE PER REALIZZARE IL BALAYAGE, in modo tale da non compiere disastri irrisolvibili. Tecnicamente il parrucchiere divide le ciocche in 5 o più parti. Formando una stella, quindi da ogni ciocca si prende un ciuffo di capelli alla volta dove andrà applicata la striatura leggera. La schiaritura sarà leggerissima sulle lunghezze, ma più accentuata sulle punte. Ma sempre con toni leggerissimi. Poi naturalmente il tempo di posa varia dall’effetto che si vuole ottenere. Il tempo massimo è di mezz’ora.

Balayage capelli: quali colori per i tipi di capelli?

Il motivo per cui il balayage sta andando per la maggiore riguarda soprattutto la sua versatilità. Infatti, il balayage, è adatto per tutti i tipi di colore di capelli, purché si rispetti il colore di base. È applicabile a tutte le lunghezze, capelli lunghi o corti. Questo perché la tecnica approfondisce il taglio, lo rende più voluminoso con piccoli effetti luminosi. Difatti, si può creare anche un effetto più riflessante anche impiegando meno colore. Sebbene la tecnica renda di più sui capelli biondi: le ciocche possono passare da un colore chiarissimo al dorato. Sui capelli castani si può arrivare fino al biondo cenere. Sui rossi potete arrivare alle sfumature color carota, e sui capelli scuri potete utilizzare i toni del marrone.

Balayage capelli: costo e svantaggi

Il costo del balayage può optare da salone in salone. Tuttavia, in media, possono andare da un minimo di 30 euro ad un massimo di 100 euro. Sicuramente, influisce la lunghezza dei capelli e l’intensità di colorazione (se si passa solo da un tono oppure si arriva a decolorazioni più intense). In alcuni casi non è richiesta manutenzione, poiché la colorazione passa in 3-4 mesi, ma c’è chi decide di ritoccarli, e per questo i parrucchieri chiedono anche 60 euro. Tuttavia, qui abbiamo uno svantaggio: sebbene in maniera leggera, i capelli vengono ugualmente decolorati. Ergo è sempre meglio non usufruire troppo del balayage. È anzi consigliabile effettuare il trattamento ogni 3-4 mesi al massimo, riuscendo a non arrivare a più di 4 volte l’anno per non danneggiare i capelli.

0Shares