Agar agar: estratto in gel per la cosmesi

L’agar agar è un prodotto ormai di uso comune per le appassionate di spignatto. Il motivo riguarda la sua particolare essenza gelatinosa utilizzata per la cosmesi

Agar agar
Fonte: Pixabay

L’agar agar è un gelificante proveniente dalla natura. In Giappone è abbastanza noto con il nome di Kanten e, più precisamente, è un polisaccaride. Tale sostanza è nota sia in cucina che in cosmetica. Il motivo riguarda le sue alti percentuali di mucillagini e carragenina, capaci di trasformare i liquidi in gelatina senza alternarne il sapone o la loro essenza. Inoltre ha visto un grande uso in cosmetica, per amalgamare erbe ayurvediche o per nutrire la chioma e il viso.

Premessa sull’agar agar


ll prodotto, come già stabilito, è un prodotto di origine naturale, dove di fatto viene estratto dalle alghe rosse. Tale prodotto, dunque, prima di ogni utilizzo, va testato sul polso per evitare reazioni allergiche pesanti. Nel caso in cui notiate rossori o irritazioni, non utilizzatelo e consultate il medico.

Agar agar: le informazioni da conoscere


Per chi si accinge ad avvicinarsi al prodotto per la prima volta, sappiate che è reperibile come materia prima in ogni sito che presenti sostanze con cui poter realizzare i propri cosmetici. La sua preparazione avviene tramite polvere in un liquido bollente, tra i 35 e 40 gradi. Quindi basterà mescolare, per raffreddare il composto.
Il gel è termoreversibile, capace di essere sciolto nuovamente e rassodato. È utilizzato per le cibarie come alternativa totalmente vegana alla colla di pesce.

Tutti i principi e benefici dell’Agar agar


L’agar agar ha un alto contenuto di calcio, ferro, magnesio e vitamine del gruppo A, B, C, E e K. Sembra che, utilizzato nella dieta per favorire la perdita di peso e anche nella regolarità intestinale ma anche per combattere il diabete e l’appetito eccessivo.
Essendo, come su detto, ricco di mucillagini, diventa un prodotto ottimo non solo per la cura del viso, in quanto idratante, ma anche per la cura dei capelli, capaci di apportare idratazione come i comuni gel d’aloe, di semi di lino o di amido di mais.

Agar agar in cosmesi


Tornando a noi, la nostra sostanza gelatinosa è un ottimo ingrediente, simile alla Goond Katira, che gelificandosi può essere utilizzata per mescolare le erbe tintorie. Stiamo parlando di henné rosso, lawsonia, katam, robbia o alcanna. Queste sono tutte sostanze capaci di tingere la chioma, ma anche difficili da mescolare con l’acqua. Ecco perché, assieme all’acqua si può aggiungere le sostanze più gelatinose per poter stendere il prodotto ottenuto meglio sui capelli.

Agar agar sui capelli


Potete utilizzare la sostanza anche come impacco idratante post shampoo per i capelli. Dopo aver effettuato shampoo, poco dopo il balsamo, a capelli umidi, stendete il gel puro sui capelli. Lasciate in posa per massimo un’ora.
Risciacquate e come risultato otterrete capelli meno porosi, irrobustiti e soprattutto ottimo per stimolare la crescita dei capelli. Potete amalgamarla anche con altri ingredienti capillari, tipo un cucchiaio di maschera o di balsamo per utilizzarla pre shampoo e avere capelli più districati.

Agar agar sul viso


Concludiamo proponendovi anche un trattamento con l’utilizzo del gel sul viso. Poiché con le sue mucillagini e i suoi principi, utilizzare l’agar sulla cute previene l’invecchiamento, può aiutare nelle macchie del viso e mantiene la pelle elastica. Potete mescolare con amla, altro alleato potente di vitamina c e stendere sul viso per 20 minuti, quindi risciacquare.

QUI abbiamo parlato degli scrub alla frutta!
Vi aspettiamo sulla nostra pagina Facebook!

1Shares